12/04/2014
Treviso, la Lega dice “No” ai clandestini a Santa Maria sul Sile

TREVISO – Sono stati sistemati in un’ex scuola nel mezzo di una tranquilla zona residenziale a Santa Maria sul Sile i venti clandestini che il governo ha imposto andassero a Treviso. La senatrice Patrizia Bisinella in mattinata si è unita ai militanti locali della Lega Nord, che hanno allestito un gazebo di protesta a poche decine di metri dalla scuola, organizzato sull’onda della preoccupazione manifestata dai residenti.

La zona non è minimamente sorvegliata e c’è una promisquità nell’utilizzo dell’area esterna della struttura che lascia parecchio perplessi: i bambini del quartiere giocano sulle giostre del cortile dove stanno gli stessi clandestini. Che certezze ci sono sul fatto che tra questi non ci sia qualcuno di pericoloso? I genitori possono stare tranquilli? I residenti possono farsi bastare le semplici rassicurazioni del sindaco Manildo ed il suo appello alla solidarietà?

 

Vai all’articolo di ieri col commento di Patrizia Bisinella >>

 

I militanti locali hanno distribuito un volantino (di seguito) in cui mettono nero su bianco che cosa ne pensano

pagina Facebook Lega Nord Treviso >>