19/07/2016
SEN. PATRIZIA BISINELLA (FARE !): “MODIFICARE LEGGI, LADRO COLTO IN FLAGRANZA DEVE ANDARE SUBITO IN CARCERE”

“Quello del ladro sorpreso a Verona in Piazza Bra a rubare due biciclette, denunciato dal magistrato di turno per tentato furto e resistenza a pubblico ufficiale e poi rimesso subito in libertà è l’ennesimo esempio dell’inadeguatezza del nostro sistema penale e della necessità di cambiarlo immediatamente. Episodi come questo alimentano frustrazione e rabbia tra i cittadini che si sentono abbandonati da uno Stato che non sa dare risposte adeguate alla domanda di sicurezza delle comunità”. Questo il commento della Senatrice di Fare! Patrizia Bisinella alla notizia riportata oggi dalla stampa veronese.

“Non è più accettabile – aggiunge – che un ladro colto in flagranza e con precedenti penali, che si permette pure di insultare gli agenti che lo arrestano sapendo già che in Italia non gli succederà nulla, venga rimesso immediatamente in libertà: questo non fa che dimostrare come le norme oggi siano troppo blande e permissive, rendendo vano il lavoro delle Forze dell’Ordine. Serve invece una risposta di rigore e assoluta fermezza: se venisse approvata la proposta di legge a mia firma, che proprio oggi sarà incardinata nei lavori della Commissione Giustizia al Senato, episodi come questo non accadrebbero più perché prevede il carcere immediato per furti e rapine, inasprendo le pene anche nel minimo previsto, togliendo discrezionalità ai giudici e non ammettendo più né attenuanti, né riconoscimento del fatto di lieve entità o concessione degli arresti domiciliari.

Mi auguro che Governo e Parlamento approvino immediatamente questa nostra proposta che punta alla modifica in senso restrittivo delle norme sull’arresto in flagranza di reato, dando subito seguito alla richiesta di maggiore fermezza che viene dai cittadini”.