12/11/2015
«A CAUSA DEL RIGASSIFICATORE DI PORTO LEVANTE IL VENETO MERITA ANCORA GLI SGRAVI BENZINA»

«I veneti è giusto che abbiano lo sconto sulla benzina e sul gasolio. Gli sgravi sui prezzi dei carburanti li hanno tutti i territori che ospitano impianti di estrazione o accumulo e distribuzione di combustibili fossili. Noi abbiamo il rigassificatore a Porto Levante, al largo delle coste rodigine. Lo sgravio c’era, è stato tolto in maniera furba. Va ripristinato. E subito. Il risparmio nelle tasche dei cittadini non sarà così grande da risolvere le gravi situazioni di crisi delle famiglie. Ma è una questione di principio che va sostenuta». Lo chiede con un emendamento alla legge di stabilità la senatrice  di “Fare!” Emanuela Munerato, assieme alle colleghe Raffaela Bellot e Patrizia Bisinella.

«Lo sconto sul carburante per il Veneto, che al largo della costa polesana ospita il terminal gasifero Adriatic Lng, è stato stabilito da una sentenza del Consiglio di Stato dopo un ricorso al TAR della Regione Veneto del 2011. Poi, nel 2014, un senatore di Forza Italia, Francesco Bruni, ha presentato un emendamento che ha tagliato il Veneto dalle Regioni italiane che godono di questo beneficio, nonostante il terminal Adriatic Lng. Non possiamo accettare che un’operazione a tradimento mantenga i suoi effetti a lungo – commenta Emanuela Munerato – È giusto che se beneficio deve esserci, ci sia per tutte le Regioni che ospitano gli impianti di rigassificazione o estrazione. Non tutte, tranne il Veneto».